Followers

La casetta di pan di zenzero



Eccomi di nuovo qui! Durante le feste non sono riuscita a postare nuove ricette, ma presto ne aggiungerò, e magari per tornare in forma dopo le mangiate natalizie, potrei iniziare a postare anche altre portate, almeno per un po' evitiamo i dolcetti.. Mumble mumble.. ora ci penso.

Prima di salutare i dolci però volevo condividere con voi la mia casetta di pan di zenzero. L'ho portata a casa per la cena della vigilia, il mio nipotino è rimasto a bocca aperta, e non credeva che fosse commestibile. Era confezionata nel cellophane, con un fiocco rosso. Quando l'abbiamo aperta, il profumo di biscotto di zenzero ha subito convinto tutti, e una volta rotta, mangiarla è diventato un vero e proprio gioco!


La ricetta è quella dei biscotti gingerbread, per costruire la casetta ho preparato prima i pezzi col cartoncino, e poi li ho fatti di biscotto. Una volta raffrettati, li ho montati usando la ghiaccia reale per fissarli. Man mano che aggiungevo pezzi, la mettevo a seccare nel frigo. Una volta montata la struttura, ho aggiunto le decorazioni col cioccolato fuso a bagnomaria, usando una siringa da pasticcere, ho completato la nevicata con una spolverata di farina di cocco, e ho decorato l'albero di Natale e le finestre con delle stelline e praline di zucchero. Il pupazzo di neve è di zucchero, con bastoncini di cannella per le braccia, e chiodo di garofano per il naso.

Ecco il tetto e la parte anteriore e posteriore della casa. Manca la foto dei lati...che mi sono dimenticata di fare, presa dall'emozione e dalla smania di iniziare a fissare i pezzi...


Ne ho fatte due, questa è la seconda:



Ecco. Con i dolci di Natale ho finito... Chissà cosa mi inventerò per questo nuovo anno?!

4 commenti:

  1. Finalmente è arrivata la casettaaaaa...
    Buona Buonissssssima.
    Finita subito nemmeno il tempo di aprirla e bucare il tetto e sventrare i muri, distruggere la ruota la staccionata, il pavimento e il pupazzo di zucchero... aha ahahahahah
    Adesso è solo un ricordo su un rotolino di trippa, insieme al panpepato.

    RispondiElimina
  2. E' bellissima e il profumo è arrivato fino qui da noi, sai Magali ha un olfatto finissimo! Complimenti! Baciotti Helga e la sua fedele assistente la magica Magali

    RispondiElimina
  3. ma è troppo bella!ma come si fa a mangiarla?è un delitto!;)
    brava davvero!
    un bacio
    bea

    RispondiElimina
  4. Grazie! Dal primo commento capirai che il delitto è stato commesso... ma è stato divertente, sia farla, sia romperla!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...