Followers

Crostatina profumata con cuore di mela

(English version below)


Chi l’ha detto che si debba rinunciare ai dolci? Un dolcino a volte ci riporta indietro nel tempo rievocando  ricordi piacevoli  con i suoi profumi e sapori, un dolcino ci può mettere di buon umore e coccolarci un po’, e allora perché no? Basta non esagerare.

La tortina della ricetta è in formato mignon, ho ridotto le dosi in proporzione per ottenere una sola crostatina, che mangeremo in due a colazione. In questo modo l’apporto calorico non toglierà equilibrio alla dieta, e il piacere del dolcino sarà condiviso!

Questo dolce è legato a due piacevoli ricordi: il primo mi fa tornare proprio bambina, quando mia mamma mi dava la mela grattugiata dopo cena, con un goccio di limone, e un pizzico di cannella, trasformando un frutto in un dolce prelibato. Il secondo è proprio legato alla torta e ogni volta che la faccio, mi strappa un sorriso.

Nei miei anni del liceo io e mio fratello ci incontravamo poco, lui andava all’Università e lavorava, e aveva orari completamente diversi dai miei, e per questo, comunicavamo ogni giorno lasciandoci messaggi sulla lavagnetta in cucina (ancora non avevamo i cellulari).
Una sera quando avevo circa 15 anni sfornai questa torta dopo cena (in formato grande), ed essendo troppo calda per assaggiarla subito, io e i miei genitori la lasciammo su una griglia a raffreddare pensando di mangiarla a colazione.
Mio fratello rientrò quando noi già dormivamo, e vedendo la torta decise di fare uno spuntino prima di andare a dormire … E che spuntino!

La mattina dopo trovai una sola fetta e un messaggio sulla lavagnetta che diceva: “Accidenti che buona! Se ti vanno male gli studi, puoi sempre aprire una pasticceria… “ Che dire, qualcuno aveva visto più in là di me, io gli studi li ho terminati bene, ma poi...

A voi la ricetta, con le dosi per una piccola crostatina, e quelle per una grande. (volendo con questa ricetta si possono fare i biscotti ripieni, che per consistenza e sapore sono molto simili a quelli famosi.... col cuore alla mela!)

Ingredienti (24 cm circa):

150 g di farina
50 g di fecola di patate
125 g di burro
100 g di zucchero
3 tuorli
Un pizzico di sale
mezzo cucchiaino di cannella
Scorze d’arancia grattugiate


Per il ripieno
3 mele
3-4 cucchiai di marmellata di arance Le Tamerici
Cannella
Un goccio di limone
Un fiocco di burro

Dosi per una piccola crostatina:


50 g di farina
15 g di fecola di patate
40 g di burro
33 g di zucchero
1 tuorlo
Un pizzico di sale
Un pizzico di cannella
Scorze d’arancia grattugiate

Per il ripieno
1 mela
1 cucchiaio di marmellata di arance
Cannella
Un goccio di limone
Un fiocco di burro

Procedimento:


Lavorare il burro freddo con lo zucchero, quindi aggiungere tuorli e farina e impastare con le mani.

Aggiungere gli altri ingredienti, impastare velocemente fino ad ottenere un impasto compatto e formare una palla che dovrà riposare in frigo per almeno mezz’ora.

Nel frattempo sbucciare e grattugiare le mele.  Rosolarle in un pentolino con un fiocco di burro, la marmellata di arance, un goccio di limone spremuto e la cannella in modo da farle asciugare.

Recuperare la frolla, stenderla con il mattarello di uno spessore di mezzo cm, e rivestire una tortiera per crostate precedentemente imburrata e infarinata, lasciando i bordi più alti. Io ho usato lo stampo per crostatine di Guardini.

Versare il composto di mele al centro e distribuirlo su tutta la superficie, quindi coprire con un altro sottile disco di frolla. Chiudere i bordi premendo leggermente con le dita, quindi decorare a piacere con qualche formina di frolla che attaccherete al centro con un po’ di albume.

Cuocere in forno caldo a 180° con programma statico per 30-35 minuti. Controllare la cottura verificando la doratura della frolla, che dovrà staccarsi dal bordo della tortiera senza fatica.

Una volta cotta, lasciare raffreddare prima nella tortiera, poi su una griglia, e spolverare con zucchero a velo.

Se potessi anche farvi sentire il profumo....


Con questa ricetta partecipo all'iniziativa benefica Dolci ricordi di Il manicaretto.it, che realizzerà un e-book e forse un libro cartaceo e devolverà il ricavato a La bici di Rosalina, onlus contro i disturbi alimentari.

Qui potete leggere il Comunicato stampa dell'iniziativa

Qui potete trovare i blog coinvolti

Ripubblico questa ricetta per poter partecipare alla raccolta di Ale di Mamma Papera's blog



Fragrant tart with apple heart


Who said that we should give up sweets? A sweet sometimes takes us back in time reminding memories with its scents and flavors, a sweet can put us in a good mood and cuddle a bit, so why not? Just don't overdo it.

The cake in the pic is in miniature, I reduced the dose in proportion to obtain a single tart, we will share it in two for breakfast. In this way we don't add too many calories to the diet, and the pleasure of a little sweet will be shared!

This cake is related to two pleasant memories: the first makes me come back to childhood when my mom gave me the applesauce after dinner, with a dash of lemon and a pinch of cinnamon, transforming a fruit into a delicious dessert. The second is linked directly to the pie and whenever I make it, I tear a smile.

In my high school years my brother and I, we dind't meet very often, he went to university and worked, his times were completely different from mine, and for that, we communicated every day leaving messages on the chalkboard in the kitchen (we did not have mobile phones).
One evening when I was about 15 years I unbaked this cake after dinner (large size), and being too hot to taste itimmediately, my parents and I left it on a wire rack to cool, thinking of eating it for breakfast.

My brother came back when we were already sleeping, and lookin at the cake he decided to have a snack before going to sleep ... And what a snack!

The next morning I found a single slice, and a message on the board saying, "Damn that good! If your studies go bad, you can always open a bakery ... " What can I say... Someone had seen farther than me, I've finished studying well, but then ...

To you the recipe, with small doses for a single little tart, and those for a large.

Ingredients (24 cm):

150 g of flour
50 g of potato starch
125 g of butter
100 g of sugar
3 egg yolks
A pinch of salt
half a teaspoon of cinnamon
Grated orange peel

For the filling
3 apples
3-4 tablespoons of orange marmalade 
Cinnamon
A dash of lemon
A staple of butter

Doses for a small tart:

50 g flour
15 g of potato starch
40 g of butter
33 g of sugar
1 egg yolk
A pinch of salt
A pinch of cinnamon
Grated orange peel

For the filling
1 apple
1 tablespoon orange marmalade
Cinnamon
A dash of lemon
A staple of butter

Procedure:

Work the cold butter with sugar, then add egg yolks and flour and knead with your hands.

Add remaining ingredients, mixing quickly to obtain a firm dough, forms a ball and rest it in refrigerator for at least half an hour.

Meanwhile, peel and grate the apples. Stir in a saucepan with a dollop of butter, marmalade, lemon juice and a dash of cinnamon, to dry them.

Retrieve the pastry, roll out with rolling pin to a thickness of half cm., and line a cake tin for tarts buttered and floured, leaving the edges higher. I used the mold for tarts Guardini.

Pour the mixture of apples in the center and distribute it over the entire surface, then cover with another thin disk of pastry. Seal the edges by pressing lightly with your fingers, then decorate with a pastry cut in shapes that you like,  that will attack in the middle with a little egg white.

Bake in preheated oven at 180 degrees for 30-35 minutes with a static program. Check the cooking making sure the pastry is golden brown, and  breaks away from the edge of the pan easily.

Once cooked, let cool in the pan first, then on a rack, and sprinkle with powdered sugar.


Copyright© all rights reserved



15 commenti:

  1. ciao Vale!grazie della visita!!ricambio con piacere!!!!deliziosa questa crostatina!!!! a presto!ciao!

    RispondiElimina
  2. Che voglia di affondarci i denti!

    RispondiElimina
  3. sei dolcissima e che bei ricordi con tuo fratello, i messaggi sulla lavagna e poi la torta... beh,un racconto e una ricetta piena di amore

    RispondiElimina
  4. chi ha detto che bisogna rinunciare ai dolci sicuramente sbagliava :)) Sono meravigliose queste tortine!

    RispondiElimina
  5. *-* che meraviglia! Voglio provare subito subito, segno la ricette!! Slurp!

    RispondiElimina
  6. che teneri ricordi che hai condiviso con noi. tuo fratello aveva visto già da quel tempo la tua bravura! Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Che delizia questa crostatina!! Quanto è bella lo vedo, il gusto e il profumo però lo posso solo immaginare!!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  8. Queste crostatine, oltre che deliziose per la vista, devono essere una squisitezza nell'incontro con il palato!!! Complimenti e bacioni!

    RispondiElimina
  9. leggera e golosa nn ci posso credere!
    baci

    RispondiElimina
  10. Stupenda questa crostatina!!

    RispondiElimina
  11. Ma che golosa questa crostatina,troppo buona!Ciao

    RispondiElimina
  12. mamma che buona!!!! :)
    sono d'accordo con te Valeria...con un dolcino piccolo piccolo ti togli lo sfizio senza esagerare ;)
    un bacione
    MILE

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...