Followers

Shortbread alla vaniglia. No, questi non sono senza burro, anzi...


Ormai in rete ci sono tante ricette "senza", e anche questo blog ne è pieno: senza burro, senza glutine, senza grassi cattivi... e sono anche buone, io le sostengo vivamente e se posso evito di caricare troppo i miei dolci e le mie pietanze. Se posso.

Ma gli shortbread...

Ma gli shortbread quanto sono buoni?

Ma se sono fatti in casa e non hanno quel retrogusto industriale, quanto sono irresistibili?

Ho trovato un burro delattosato (il lattosio è per me un problema serio). Ho trovato una ricetta su un blog che adoro, e lei, l'Araba felice, adora questi biscotti. Una garanzia. Chi sono io per non provare a farli?

E per una volta, qualche caloria in più ce la concediamo pure, soprattutto se il risultato è così vergognosamente buono!

Ingredienti (ho dimezzato le dosi della ricetta originale, e ho usato una tortiera rotonda da 18 cm)

50 g di zucchero a velo
100 g di farina 00
50 g di amido di mais
un pizzico di sale
la polpa di una bacca di vaniglia

Procedimento

Versare in un robot a lame lo zucchero, la farina, il sale e l'amido, dare una girata per amalgamare, quindi aggiungere il burro a pezzetti e la vaniglia.

Azionare il robot e amalgamare gli ingredienti che si presenteranno come sabbia bagnata raggrumata. Io ho lavorato velocemente anche a mano, ma solo perché il burro era un po' freddo.

Versare l'impasto nella tortiera a cerniera foderata con carta forno, compattare sul fondo ed appiattire bene con le mani o con un cucchiaio, quindi praticare dei tagli a raggiera con un coltello e bucherellare l'impasto con una forchetta.

Mettere in frigo coperto con una pellicola per 20 minuti, quindi passare nel forno già caldo a 160° in modalità statica per 25-30 minuti.

Sfornare, ripraticare i tagli con il coltello a lama liscia, quindi lasciare raffreddare nella tortiera senza toccarli perché sono delicatissimi.

Una volta freddi, separate i biscotti e
a- fate merenda!
b- cercate di conservarne qualcuno per il giorno dopo o per mariti e figli...
c- semmai dovessero avanzare, conservateli in un contenitore in latta o vetro per una settimana o 10 giorni (inutile dire che in tre giorni da me sono spariti!)

Prima di separarli...


La merenda!! (e il biscotto sbocconcellato)





5 commenti:

  1. Anche il mio blog è pieno di ricetta "senza" qualcosa, come ben sai ma poi ogni tanto una ricetta CON ci vuole per conservare la sanità mentale ahahhahaha
    Mi fa piacere che ti siano piaciuti tanto quanto a me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione! Io li ho già rifatti e credo che domani li farò di nuovo... ne mangio uno solo al giorno (ho dimezzato le tue dosi, ne vengono meno), ma ne sono letteralmente drogata!

      Elimina
  2. ne voglio uno, ne voglio uno!!!!!!
    si, è vero: meno burro, o senza burro va bene... ma in certe ricette non è possibile...
    ed io li voglio provare assolutamente.....devono essere qualcosa di incredibilmente fantastico....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Falli assolutamente perché sono completamente diversi dagli shortbread che si comprano, questi sono fantastici, si sciolgono in bocca e non sono pesanti da digerire! Beh... basta non mangiarli tutti insieme! Fammi poi sapere e se vuoi mandarmi la foto io la metto sulla pagina fb con il link che vuoi!

      Elimina
  3. Ricordo il mio viaggio a Londra anche per questi deliziosi biscotti e per gli omini di pan di zenzero... assolutamente deliziosi! :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...